Parco archeologico e Antiquarium di Castelseprio
PROGRAMMA Sito UNESCO: Longobardi in Italia: i luoghi del potere (568-774)
TITOLO Il Parco archeologico di Castelseprio : restauro della Cascina-Monastero di S.Giovanni e creazione di spazi espositivi e didattici, Restauro e valorizzazione delle strutture archeologiche e copertura del Battistero di S.Giovanni.
COMMITTENTE           Ministero per i Beni e le Attività Culturali
Direzione Regionale per i beni architettonici e il paesaggio della Lombardia
Soprintendenza per i beni archeologici della Lombardia
LUOGO     Castelseprio (VA)
PROGETTO I Lotto 2004, II Lotto 2005, III Lotto 2008
CANTIERE I Lotto 2005, II Lotto 2006, III Lotto 2010
PRESTAZIONI Progettazione e Direzione Lavori
CONSULENTI Foppoli Moretta e associati srl - Strutture
ing. Daniele Rapella - impianti elettrici
Ing. Andrea Pozzati - impianti termici
Arch. Peverelli e Colombo - rilievi laser scanner
Dott. Roberto Bugini, CNR Gino Bozza - indagini chimico-fisiche
Antonio De Luca - fotografo
SUP. PARCO 7 ettari
SUP. MUSEO 400 m2
IMPORTO DEI LAVORI
€ 1.070.000,00
IMPRESE I lotto: Restauro: Studio CRC di Paolo Pastorello, Roma;
Archeologia: Cooperativa Archeologia Firenze;
Edilizia: C.M.R., Filo di Argenta (FE).
II lotto: Restauro: Consorzio L’Officina, Roma.
III lotto: Restauro: Studio CRC di Paolo Pastorello, Roma;                                      Strutture metalliche: Ferromeccanica 81, Tirano (SO).
Il Parco archeologico di Castelseprio si estende su una vasta superficie, per la maggior parte di proprietà demaniale e in parte della Provincia di Varese, ed è costituito da un pianoro sul quale insistono importanti resti di un insediamento fortificato datato a partire dalla fine del IV secolo d.C. , circondati da un’ampia superficie boscata di notevole interesse ambientale. Nel 2011 il sito è stato iscritto nella celebre lista dell’UNESCO come Patrimonio dell’Umanità insieme ad altri siti riuniti nel Progetto: “Italia Langobardorum – I Longobardi in Italia. I luoghi del potere (568-774 d.C.)”
Nel 2002, su iniziativa dell’allora Soprintendente dottor Angelo Maria Ardovino, redigemmo uno studio preliminare di interventi di restauro e valorizzazione dell’area suddividendolo in più lotti funzionali e indipendenti, che ottenne un finanziamento l’anno successivo.
Obiettivi: restauro e la valorizzazione della Cascina-Monastero di S.Giovanni e creazione di spazi espositivi e didattici; restauro delle strutture antiche; realizzazione di coperture delle strutture più delicate dal punto di vista conservativo; riassetto dell’ambiente boschivo e sistemazione dei versanti interessati da dissesti e frane.
Il I Lotto ha compreso il restauro e la valorizzazione della Cascina-Monastero di S.Giovanni.
Il procedere delle indagini, soprattutto di quelle stratigrafiche e, in seguito, di quelle archeologiche, suggerivano di dedicare un ampio spazio alla storia di quel particolare contesto creando un percorso in cui le murature e le finiture della Cascina-Monastero


Archigem s.a.r.l.
Stefania Guiducci
et Marzio Mercandelli
architectes

81-83, rue Monte Cristo
13004 Marseille - France
T. +33 0637433510
gem@archigem.com
Siret : 51329776200017
Guiducci e Mercandelli
architetti associati

via Ginnasio 25
23026 Ponte in Valtellina
(SO) - Italia
T. +39 3409283492
T. +39 3403027428
gem@archigem.com
P.IVA 00693550147